(troppo vecchio per rispondere)
rinnovo atto di citazione
cinzia
2006-09-25 07:40:31 UTC
Ciao a tutti, vorrei porre una domanda forse un pò stupida...
Nel caso in cui, notificato l'atto di citazione per l'udienza da tenersi ad
una certa data, i termini a comparire non siano più rispettati ed il giudice
autorizzi, in udienza, il rinnovo dell'atto di citazione per la nuova
udienza da lui fissata, come si deve procedere?

1) si stampa un nuovo atto di citazione, con la nuova data, dove si dice che
all'udienza del... il giudice, verificato il mancato rispetto dei termini a
comparire, ha autorizzato (o ordinato) il rinnovo della citazione - e quindi
si notifica semplicemente questo atto, così come è stato fatto per la prima
citazione;

2) si fa tutto quanto descritto al punto uno, ma si allega all'atto anche
copia conforme del verbale di udienza (dove risulta che il giudice ha
autorizzato il rinnovo);

3) si chiede copia conforme di tutto, cioè vecchio atto di citazione e
verbale di udienza, e si notifica tutto quanto?

Grazie!
Ben@
2006-09-25 16:59:17 UTC
Post by cinzia
Ciao a tutti, vorrei porre una domanda forse un pò stupida...
Nel caso in cui, notificato l'atto di citazione per l'udienza da tenersi
ad una certa data, i termini a comparire non siano più rispettati ed il
giudice autorizzi, in udienza, il rinnovo dell'atto di citazione per la
nuova udienza da lui fissata, come si deve procedere?
1) si stampa un nuovo atto di citazione, con la nuova data, dove si dice
che all'udienza del... il giudice, verificato il mancato rispetto dei
termini a comparire, ha autorizzato (o ordinato) il rinnovo della
citazione - e quindi si notifica semplicemente questo atto, così come è
stato fatto per la prima citazione;
2) si fa tutto quanto descritto al punto uno, ma si allega all'atto anche
copia conforme del verbale di udienza (dove risulta che il giudice ha
autorizzato il rinnovo);
3) si chiede copia conforme di tutto, cioè vecchio atto di citazione e
verbale di udienza, e si notifica tutto quanto?
Grazie!
Interessa anche a me....provo a postarlo su it.diritto.
Tony
2006-09-25 16:23:39 UTC
Post by cinzia
Ciao a tutti, vorrei porre una domanda forse un pò stupida...
Nel caso in cui, notificato l'atto di citazione per l'udienza da tenersi ad
una certa data, i termini a comparire non siano più rispettati ed il giudice
autorizzi, in udienza, il rinnovo dell'atto di citazione per la nuova
udienza da lui fissata, come si deve procedere?
1) si stampa un nuovo atto di citazione, con la nuova data, dove si dice che
all'udienza del... il giudice, verificato il mancato rispetto dei termini a
comparire, ha autorizzato (o ordinato) il rinnovo della citazione - e quindi
si notifica semplicemente questo atto, così come è stato fatto per la prima
citazione;
2) si fa tutto quanto descritto al punto uno, ma si allega all'atto anche
copia conforme del verbale di udienza (dove risulta che il giudice ha
autorizzato il rinnovo);
3) si chiede copia conforme di tutto, cioè vecchio atto di citazione e
verbale di udienza, e si notifica tutto quanto?
Grazie!
Buona la prima....
Non c'è bisogno di copie autentiche del Verbale di udienza nè tantomeno
della prima citazione...
D'altronde rinnovare la citazione (o la notifica della stessa) è nella
tua disponibilità di parte....se non lo fai segue la cancellazoine della
cusa dal ruolo.
Ciao!
cinzia
2006-09-26 14:37:40 UTC
Post by Tony
Post by cinzia
Ciao a tutti, vorrei porre una domanda forse un pò stupida...
Nel caso in cui, notificato l'atto di citazione per l'udienza da tenersi
ad una certa data, i termini a comparire non siano più rispettati ed il
giudice autorizzi, in udienza, il rinnovo dell'atto di citazione per la
nuova udienza da lui fissata, come si deve procedere?
1) si stampa un nuovo atto di citazione, con la nuova data, dove si dice
che all'udienza del... il giudice, verificato il mancato rispetto dei
termini a comparire, ha autorizzato (o ordinato) il rinnovo della
citazione - e quindi si notifica semplicemente questo atto, così come è
stato fatto per la prima citazione;
2) si fa tutto quanto descritto al punto uno, ma si allega all'atto anche
copia conforme del verbale di udienza (dove risulta che il giudice ha
autorizzato il rinnovo);
3) si chiede copia conforme di tutto, cioè vecchio atto di citazione e
verbale di udienza, e si notifica tutto quanto?
Grazie!
Buona la prima....
Non c'è bisogno di copie autentiche del Verbale di udienza nè tantomeno
della prima citazione...
D'altronde rinnovare la citazione (o la notifica della stessa) è nella tua
disponibilità di parte....se non lo fai segue la cancellazoine della cusa
dal ruolo.
Ciao!
Grazie della risposta :-)
cinzia
2006-09-26 15:34:07 UTC
Post by Tony
Post by cinzia
1) si stampa un nuovo atto di citazione, con la nuova data, dove si dice
che all'udienza del... il giudice, verificato il mancato rispetto dei
termini a comparire, ha autorizzato (o ordinato) il rinnovo della
citazione - e quindi si notifica semplicemente questo atto, così come è
stato fatto per la prima citazione;
2) si fa tutto quanto descritto al punto uno, ma si allega all'atto anche
copia conforme del verbale di udienza (dove risulta che il giudice ha
autorizzato il rinnovo);
3) si chiede copia conforme di tutto, cioè vecchio atto di citazione e
verbale di udienza, e si notifica tutto quanto?
Grazie!
Buona la prima....
Non c'è bisogno di copie autentiche del Verbale di udienza nè tantomeno
della prima citazione...
D'altronde rinnovare la citazione (o la notifica della stessa) è nella tua
disponibilità di parte....se non lo fai segue la cancellazoine della cusa
dal ruolo.
Ciao!
Posso chiederti se c'è differenza tra rinnovo della citazione e rinnovo
della notifica della citazione?
Voglio dire: nel primo caso, io commetto un errore nel redigere l'atto ed
assegno al convenuto un termine a comparire inferiore a quello di legge.
Nel secondo caso, io non commetto nessun errore, ma l'ufficiale giudiziario
ci mette molto più del previsto a notificare per cui, alla fine, fra giorno
della notifica e giorno della prima udienza non è rispettato il termine di
legge.
La differenza è questa?
Il caso che mi riguarda è il secondo.
Io in prima udienza ho chiesto l'autorizzazione al rinnovo della notifica;
il giudice me l'ha concessa, senza il termine perentorio entro il quale
notificare (art. 291 cpc), ma indicando solo la data della successiva
udienza. Devo presumere che posso notificare finchè sarò in tempo a farlo
nel rispetto dei termini, in rapporto alla nuova udienza? Devo rinotificare
o rinnovare?
Tony
2006-09-27 15:28:05 UTC
Post by cinzia
Posso chiederti se c'è differenza tra rinnovo della citazione e rinnovo
della notifica della citazione?
Certo, esiste eccome...
La rinnovazione dell'atto di citazione attiene, per così dire, a vizi o
nullità della citazione stessa(Termini a comparire, omesso avvertimento
delle decadenze ex 167,etc...)
La rinnovazione della notifica o, in gergo, rinotifica, attiene invece a
vizi per l'appunto della notifica (Es: indirizzo errato)
Per capire meglio il concetto, ricordati che citazione e notifica sono
due istituti giuridici ben diversi, ognuno con i propri requisiti.
Post by cinzia
Voglio dire: nel primo caso, io commetto un errore nel redigere l'atto ed
assegno al convenuto un termine a comparire inferiore a quello di legge.
Nel secondo caso, io non commetto nessun errore, ma l'ufficiale giudiziario
ci mette molto più del previsto a notificare per cui, alla fine, fra giorno
della notifica e giorno della prima udienza non è rispettato il termine di
legge.
La differenza è questa?
No, come ti dicevo citazione e notifica sono due fattispecie diverse....
I entrambi i casi, sia che tu abbia ab inizio assegnato un termine non
congruo al convenuto (data della citazione 01.01--data di udienza
02.01)sia che il termine, inizialmente congruo (vale a dire al momento
in cui hai redatto la citazione, es data citazione 01.01 -- data udienza
04.01)sia divenuto poi insufficiente perchè l'U.G. ci ha messo una vita
a notificare oppure perchè tu l'hai portato alla notifica solo
successivamente, in entrambi i casi comunque il vizio attiene alla
citazione....
Difatti il giudice deve dichiararla nulla (nota bene, la citazione, non
la notifica che potrebbe essere benissimo valida)e disporne la rinnovazione.
Post by cinzia
Il caso che mi riguarda è il secondo.
Io in prima udienza ho chiesto l'autorizzazione al rinnovo della notifica;
rectius, della citazione
Post by cinzia
il giudice me l'ha concessa, senza il termine perentorio entro il quale
notificare (art. 291 cpc), ma indicando solo la data della successiva
udienza. Devo presumere che posso notificare finchè sarò in tempo a farlo
nel rispetto dei termini, in rapporto alla nuova udienza? Devo rinotificare
o rinnovare?
Giusto. Devi cmq rinnovare la citazione (quella precedente era nulla per
violazione dei termini a difesa) e poi, ovviamente, rinotificarla.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro, nel caso in cui ti sfugga
ancora qualcosa non esitare a chiedere!
Ciao, Tony
cinzia
2006-09-28 18:55:09 UTC
Post by Tony
Post by cinzia
La differenza è questa?
No, come ti dicevo citazione e notifica sono due fattispecie diverse....
I entrambi i casi, sia che tu abbia ab inizio assegnato un termine non
congruo al convenuto (data della citazione 01.01--data di udienza
02.01)sia che il termine, inizialmente congruo (vale a dire al momento in
cui hai redatto la citazione, es data citazione 01.01 -- data udienza
04.01)sia divenuto poi insufficiente perchè l'U.G. ci ha messo una vita a
notificare oppure perchè tu l'hai portato alla notifica solo
successivamente, in entrambi i casi comunque il vizio attiene alla
citazione....
Difatti il giudice deve dichiararla nulla (nota bene, la citazione, non la
notifica che potrebbe essere benissimo valida)e disporne la rinnovazione.
Post by cinzia
Il caso che mi riguarda è il secondo.
Io in prima udienza ho chiesto l'autorizzazione al rinnovo della notifica;
rectius, della citazione
Post by cinzia
il giudice me l'ha concessa, senza il termine perentorio entro il quale
notificare (art. 291 cpc), ma indicando solo la data della successiva
udienza. Devo presumere che posso notificare finchè sarò in tempo a farlo
nel rispetto dei termini, in rapporto alla nuova udienza? Devo
rinotificare o rinnovare?
Giusto. Devi cmq rinnovare la citazione (quella precedente era nulla per
violazione dei termini a difesa) e poi, ovviamente, rinotificarla.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro, nel caso in cui ti sfugga
ancora qualcosa non esitare a chiedere!
Ciao, Tony
Ti ringrazio moltissimo!
Oggi ho rinotificato un atto di citazione in rinnovazione, per ora mi è
tutto chiaro... almeno credo! :-)
Tony
2006-09-28 19:49:00 UTC
Post by cinzia
Ti ringrazio moltissimo!
Oggi ho rinotificato un atto di citazione in rinnovazione, per ora mi è
tutto chiaro... almeno credo! :-)
Ok, Ciao!